email: 
 password:   
email:
210.583 
home libreria l'agenda letteraria notizie blog contatti
i nostri autori
Alighieri Dante
Bezzo Chiara
Blindflowers Mary
Carofiglio Giusy
DaFunk Fremmy
Dino-Guida Cosimo
Koleda David
Lozzio Rossana
Machiavelli Niccolò
Ovidio Publio Nasone
Paolini Carla
Peretti Pablo Paolo
Petrossi Erika

Mary Blindflowers
articolo del 13/11/2016
TIBBS & TIBBS
una favola, con un pizzico di mitologia, malessere sociale... e il destino del mondo travagliato dalle guerre

Prendete una favola per bambini, mischiatela con un pizzico di mitologia classica, un po’ di malessere sociale, qualche esperienza personale, il destino del mondo travagliato dalle guerre, lo sfaldamento della personalità, ed ecco nascere Tibbs and Tibbs.
Questi gli ingredienti fondamentali che compongono la novella, omogeneizzati magistralmente dalla penna di Maria Antonietta. Uno stile non ripetibile, coadiuvato dalle tante metafore che talvolta strappano un sorriso. Ma la crudeltà dell’esistenza, della prevaricazione dei più deboli, si impongono drasticamente, non lasciando libertà ad un destino tristemente segnato. In questa fase, la repulsione per la guerra e per qualsiasi tipo di violenza, esprimono il dissenso dell’autrice, dissenso che non facciamo fatica a condividere. La descrizione della guerra stessa, che “fagocita scheletri” resta una delle immagini più toccanti.
Ma non dimentichiamo il nodo cruciale della vicenda, ovvero lo spossessamento del sé: l’io pensante che si contrappone ad un io egualmente pensante, alla ricerca di un’idea, di platonica memoria, atta a fondare le due unità distinte.
Non manca il colpo di scena nel finale, con una chiusura amara che si riflette ampiamente anche nelle descrizioni di un paesaggio autunnale, a contraddistinguere la caducità delle cose.
Il ritmo poetico a volte prende il sopravvento sulla prosa, in alcuni passaggi descrittivi di cose o di stati d’animo.
Il libro è scritto in doppia lingua per chi volesse destreggiarsi a masticare l’inglese.
La copertina rigida, che riproduce un dipinto intitolato “Fiori ciechi” e realizzato dalla stessa Pinna, ha determinato l’utilizzo dello pseudonimo di Mary Blindflowers, col quale Maria Antonietta firma la sua attuale produzione.

Rita Licenziato


disponibile

disponibile

disponibile

disponibile

disponibile

disponibile

disponibile

home condizioni generali di vendita diritto di recesso servizi per gli autori contratti editoriali contatti